BILANCIO PREVENTIVO 2015: SOLO TASSE E NESSUNA CAPACITA’ PROGRAMMATORIA

UN SUCCESSO L’INIZIATIVA “IO MI FIDO DI TE”
3 marzo 2015
SENSO UNICO IN VIA ITALIA: SU CHE BASI?
11 settembre 2015

Durante il Consiglio Comunale di ieri, Martedì 14 Luglio 2015, la lista per UBOLDO ha espresso voto contrario al Bilancio di previsione 2015.

Questo il commento e le motivazioni del voto.

 Dobbiamo notare, ancora una volta, che anche il Documento di Previsione per il 2015 è un documento puramente e semplicemente contabile.

 Un documento dal quale non emerge alcuna capacità programmatoria da parte del Comune, ma dal quale si evince solamente una grande preoccupazione: far quadrare i conti. Certo il Comune non deve fare debiti, ma il Comune deve soprattutto fornire servizi ai cittadini.

 Questo è un documento che ha un unico filo conduttore: una tassazione severa nei confronti dei cittadini per compensare il mancato introito legato ai minori trasferimenti dallo Stato.

 TASI (senza alcuna possibilità di riduzione per nessuno), IMU, ADDIZIONALE IRPEF COMUNALE, TARI: tutto pesa sulle famiglie – e per fortuna che questa Amministrazione dice di tenere alla famiglia! – in un momento dove è già difficile tirare la fine del mese.

 Basta dare la colpa al Governo. Basta chiedere sacrifici ai cittadini.

 Ma oltre alle famiglie questa volta ad essere tartassate sono anche le imprese.

 L’aumento della Tassa Rifiuti per le attività commerciali e produttive (di circa il 5% rispetto ad un anno fa) è sinonimo di poca lungimiranza. Ma come facciamo a pensare che le aziende possano investire in Uboldo e assumere se gli aumentiamo le tasse? E’ solo il 5%? In questo momento anche il 5% diventa un macigno per un’azienda.

 Se a tutti questi balzelli aggiungiamo i soldi che l’Amministrazione Comunale introita dai camion di terra che riempiono la minicava, le minori spese (così almeno sostiene l’Amministrazione Comunale) per la gestione del Centro Sportivo Comunale e per la gestione del Cimitero e i risparmi che si otterranno grazie allo spegnimento di 150 lampioni, saremmo portati a pensare che ben presto Uboldo avrà strade e marciapiedi ricoperti d’oro.

 Invece, andiamo a vedere le opere che questa Amministrazione intende realizzare e scopriamo che quest’anno saranno asfaltate cinque strade cittadine (o meglio cinque tratti di strade).

 2 km di asfalto su un totale di 36 km di strade cittadine di cui dispone Uboldo. Un po’ pochino.

 E scopriamo che di queste strade nessuna è in centro paese. Addirittura una, la più lunga, porta nel bosco. Complimenti.

 Dei marciapiedi per quest’anno nemmeno l’ombra. Se ne riparlerà l’anno prossimo. Speriamo assieme alla sistemazione di qualche strada un po’ più centrale.

 Per il 2015, il primo anno dopo la rielezione, ci aspettavamo qualche fuoco d’artificio da questa Amministrazione. Invece nulla (a parte quelli del Palio). Siamo riusciti a farci passare sotto il naso senza approfittarne anche un evento come l’EXPO.

 Lo avevamo qui a pochi passi ma non siamo riusciti nemmeno a ideare un progetto per portare a Uboldo qualche risorsa o qualche turista. Addirittura l’unico progetto in tema EXPO, “Uboldo villaggio dello sport”, che l’Amministrazione ha provato a mettere insieme all’ultimo momento è naufragato ancora prima di partire.

 EXPO avrebbe potuto essere l’occasione per rilanciare le attività commerciali del territorio, invece nulla. Zero assoluto. Anche il tanto decantato Distretto del Commercio delle Antiche Brughiere è rimasto al palo.

 Insomma, il nulla su tutti i fronti. Per questi motivi il voto della lista Per UBOLDO è stato CONTRARIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *