Art. 1

L’associazione “Per UBOLDO” è una associazione operante in Uboldo, promossa da un gruppo di cittadini ed aperta a tutti i cittadini. L’associazione si propone di promuovere la candidatura alle elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale e della carica di Sindaco di Uboldo della lista “Per UBOLDO - ALESSANDRO COLOMBO Sindaco”.
Art. 2

L’associazione nasce per dare spazio ai cittadini, alle loro competenze, progetti e critiche, e vuole rimettere al centro della vita del paese il cittadino attraverso un coinvolgimento che dia una nuova identità al “FARE POLITICA”, intesa in questo senso come un servizio che la popolazione fa a se stessa.
Art. 3

L’associazione considera la politica come “servizio” in modo tale da porre al primo posto l’interesse della collettività; questo significa vedere nella partecipazione del cittadino il punto di forza dell’azione amministrativa. Attraverso questa idea nasce l’impegno di fare politica locale, intesa come realizzazione di un progetto programmatico che nasca dalle persone che perseguono il benessere del proprio territorio.
Art. 4

Possono aderire all’associazione tutti i cittadini residenti nel Comune di Uboldo o comunque legati ad Uboldo da interessi lavorativi o di qualsiasi altro tipo. L’associazione non esclude dal proprio organico cittadini attivi in partiti politici, associazioni o movimenti, purché individualmente si riconoscano nelle finalità e nei metodi di lavoro dell’associazione.
Art. 5

L’associazione persegue una politica democratica, secondo precisi valori di impegno politico, amministrativo, di solidarietà ed uguaglianza di diritti di tutti i cittadini. L’associazione si adopererà per coinvolgere sempre più persone attive nel territorio, competenti in determinate materie, con un forte attaccamento allo sviluppo del benessere del proprio paese, di cui la collettività nutre fiducia in quanto cittadini “trasparenti e onesti” nelle idee e programmi di sviluppo.
L’associazione intende elaborare e promuovere insieme ai cittadini idee e progetti e, consapevole dell’importanza e del valore del confronto, si propone di mantenere contatti democratici con altre associazioni, gruppi o istituzioni del territorio.
L’associazione ha come riferimento per il suo impegno politico la “Qualità della Vita”, intesa come insieme di attività e opere che creino il benessere e offrano la possibilità di vivere in relazione armonica con il proprio territorio e con gli altri recuperando quel “senso di appartenenza” definito IDENTITA’.
Art. 6

L’associazione individua alcuni principi imprescindibili della propria azione:

  • I cittadini al centro dell’azione amministrativa di una comunità locale dove ogni decisione presa è rivolta alla soluzione dei bisogni del cittadino.
  • La famiglia, come stabilisce la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, “è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta”.
  • La solidarietà verso i più deboli intesa come sforzo di assicurare a tutti pari opportunità, con particolare riguardo ai meno abbienti e alle persone in condizione di svantaggio e difficoltà.
  • Il rispetto delle regole e della persona sono i fondamenti per una ordinata e civile convivenza.
  • La sicurezza, la legalità e l’imparzialità sono valori da difendere e far rispettare.
  • L’azione amministrativa deve essere orientata alla soluzione dei problemi reali e quotidiani del cittadino nell’interesse dell’intera comunità garantendo una oculata e attenta gestione delle risorse evitando sprechi ed inefficienza;
  • La sussidiarietà nei confronti dell’associazionismo, risorsa virtuosa, che deve essere incentivato, coordinato ed aiutato affinché possa intervenire in quei settori dove la pubblica amministrazione non riesce ad essere presente.
Art. 7

Sono Organi dell’associazione, l’Assemblea degli aderenti, il Gruppo consiliare, i Gruppi di lavoro, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Candidato Sindaco.

L’Assemblea degli aderenti è costituita da tutti coloro che condividono i principi costitutivi e il programma amministrativo e versano un contributo stabilito dal presente statuto.
L’Assemblea degli aderenti approva a maggioranza la lista dei candidati alle elezioni predisposta dal Consiglio Direttivo, discute ed approva il programma amministrativo elaborato dai Gruppi di lavoro e approvato dal Consiglio Direttivo e le iniziative dell’associazione.

Il Gruppo consiliare è impegnato a sostenere il programma presentato. Il Gruppo consiliare, elegge un referente al suo interno, risponde del suo operato direttamente agli elettori; discute e decide autonomamente l’atteggiamento da assumere nelle Istituzioni. Il Gruppo consiliare nominerà i membri delle commissioni consiliari e degli altri organismi istituzionali, scegliendoli preferibilmente tra i candidati e gli aderenti all’associazione.

I Gruppi di lavoro si riuniscono per studiare ed approfondire i temi di loro competenza, eleggono un referente al loro interno. In una prima fase il lavoro sarà finalizzato alla formulazione di un programma amministrativo concreto e realizzabile. Una volta concluso il lavoro, sottoporranno i risultati all’Assemblea degli aderenti per l’approvazione. I Gruppi di lavoro non cesseranno però con questo la loro attività e resteranno attivi anche dopo il periodo elettorale.

Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, dal Segretario, dal Tesoriere, dal Referente del Gruppo Consiliare, dal Referente dei Gruppi di lavoro e dal Candidato Sindaco ed è l’organo esecutivo dell’associazione, definisce le iniziative, approva il programma amministrativo predisposto dai Gruppi di lavoro e predispone la lista dei candidati al consiglio comunale.

Il Presidente rappresenta l’associazione e presiede il Consiglio Direttivo.

Il Candidato Sindaco fa parte del Consiglio Direttivo. A lui spetta la scelta finale sui candidati per il Consiglio Comunale, sui membri delle commissioni consiliari e degli altri organismi istituzionali.

Art. 8

L’associazione sceglierà preferibilmente i propri candidati per il Consiglio Comunale, da sottoporre all’attenzione del candidato Sindaco, attraverso una franca discussione, cercando di raggiungere un accordo unanime, tenendo presente:

  • L’adesione all’associazione
  • Le competenze, i ruoli civici e la partecipazione in associazioni di categoria che un cittadino assume o ha assunto
  • Un’evidente e concreta popolarità ed il radicamento nel territorio
  • La capacità di lavorare in gruppo con autonomia di pensiero
  • L’apertura all’ascolto alla discussione con tutti
  • La disponibilità di tempo.

Ulteriori criteri, più specifici, saranno indicati dal candidato Sindaco contestualmente alla definizione del programma amministrativo.

La scelta finale sarà comunque riservata al candidato Sindaco.

Art. 9

L’adesione all’associazione avviene attraverso la sottoscrizione di questo documento, in cui il richiedente si impegna ad aderire all’associazione. Si impegna, inoltre, in caso di candidatura a elezioni amministrative, ad aderire alla Lista del gruppo consiliare “Per UBOLDO - ALESSANDRO COLOMBO Sindaco” e non ad altre liste.
L’adesione comporterà per tutti i membri il versamento della quota associativa stabilita in euro 30 (trenta).
Art. 10

L’associazione si sostiene attraverso:

  • L’autofinanziamento dei propri aderenti
  • Il libero finanziamento di enti pubblici e privati, imprese, persone fisiche, associazioni e movimenti che simpatizzano con l’associazione
  • Eventuali altre iniziative.